L’11 aprile scorso si è svolta a L’Aquila, la prima udienza nel processo a tre attiviste femministe querelate per diffamazione dall’avvocato Antonio Valentini. La prossima udienza si terrà il 13 giugno prossimo. I fatti che hanno dato origine alla querela risalgono al 2015 quando l’associazioneIlaria Rambaldi onlus organizza un Convegno sui Grandi rischi nella sede […] L'articolo Sessismo nei tribunali, le femministe Leggi Tutto
La notizia che Maria Elisabetta Alberti Casellati, neoeletta presidente del Senato, si sia rifiutata di essere chiamata “presidentessa” prendendo così le distanze da Laura Boldrini, ex presidente della Camera, è una panzana, una fake news: Laura Boldrini non ha mai voluto essere chiamata
La marea femminista è tornata nelle strade ieri non solo in Italia ma in molti paesi del mondo per dire basta alla violenza contro le donne tra scioperi e manifestazioni. “Se le donne si fermano si ferma il mondo” con questo grido a Roma si è mosso il corteo ricordando lo sciopero dalle
L’Italia è stata nuovamente condannata dalla Corte europea dei diritti dell’uomo, questa volta perché le istituzioni non hanno protetto adeguatamente una adolescente che nel 2013 cadde in un giro di prostituzione e subì uno stupro di gruppo. La vulnerabilità della ragazza e i rischi a cui era
“Non tutte le istituzioni funzionano come dovrebbero, Magistratura a Polizia Giudiziaria danno risposte non sempre adeguate. L’Avvocatura sta cercando la strada della specializzazione. I medici a volte ritengono che la violenza contro le donne non sia affare loro perché non è una malattia, le
Il 2017 tramonta con un finale a sorpresa: è stato l’anno in cui le donne hanno assestato un bel colpo al muro del silenzio sulle molestie sessuali. Da pochi giorni, la voce di Salma Hayek si è unita alle numerose voci di denuncia per molestie sessuali rivolte ad Harvey Weinstein, l’ex produttore
In uno dei monologhi di Mistero Buffo –Grammelot dell’avvocato inglese –Dario Fo raccontava di una legge medievaleper cui il violentatore potesse salvarsi dalla condanna spargendo velocemente delle monete ai piedi della vittima a mo’ di risarcimento e recitando una formula rituale che lo rendeva
Meno di un mese fa, la presidente della Camera Laura Boldrini presentava la relazione della Commissione Jo Cox sull’intolleranza, la xenofobia e il razzismo sul web. Dopo appena tre settimane ha dichiarato che non tollererà più ingiurie e parole violente di cui è bersaglio da anni e che denuncerà
La Fonderia Abruzzo di Sulmona, in provincia di L’Aquila, ha organizzatodue giorni di dibattito con imprenditori, politici (e reggi ombrelli) “per raccogliere le intelligenze ei pensatori italiani e abruzzesi, e con loroimmaginarefunzione, collocazione ed identità dell’Abruzzo e le politiche
Ora ne parlano e ne scrivono tutti. La Corte d’Appello di Messina ha condannato la Procura di Caltagirone per “negligenza inescusabile”, per non aver tutelato i diritti di Marianna Manducaassassinata dall’ex marito, Saverio Nolfo, il 3 ottobre del 2007, ed ha stabilito un risarcimento di circa
La violenza sessuale non è uno scherzo. Non la pensano così gli autori di Amici di Maria, un programma seguito in larga maggioranza da un pubblico giovanissimo. Il 24 aprile, durante l’ultima puntata, hanno mandato in onda una aggressione sessuale spacciandola per uno “scherzo”. Questo è stato il
Una acrobata che volteggia nell’aria, avvolta in un drappo di stoffa, rappresenta egregiamente l’impegno delle attiviste dei Centri antiviolenza, ma anche le risorse che le donne vittime di violenze mettono in atto per uscire da inferni quotidiani. La foto (La risalita, 2014, di Michela Ferrara)
Cara Simonetta Sciandivasci, Ciao Simo. Posso chiamarti Simo? Mi chiamo Nadia e sono una femminista senza miliardario per marito. Ho letto su Pagina99 le tue sessantotto (più o meno) righe intitolate “È Melania Trump, l’ultima vera femminista”e ho capito che sei una donna illuminata. Ho fatto
La pagina Facebook ‘In quanto donna‘ ha organizzato un flash mob “Io allatto dove e quando mi pare“. Il 17 e 18 febbraio prossimi, le neomamme sono invitate ad allattare pubblicamentefigli e figlie in ogni città, negozio, centro commerciale, ufficio, parco pubblico si trovino; che siano da sole o
D.i.Re donne in rete contro la violenza ieri, sulla sua pagina Facebook, ha espresso solidarietà e vicinanza alla donna che ha subito uno stupro di gruppo nella sede della Raf (rete nazionale antifascista) a Parma. I fatti, accaduti nel 2010, sono raccontati sul blog personale diblog di
Il 27 novembre prossimo, il giorno seguente la manifestazione Non una di meno promossa da D.i.Re, Udi e Io decido che si svolgerà a Roma, ci saranno diversi tavoli tematici per affrontare i problemi del femminicido e del sessismo, tra i quali uno sulla narrazione della violenza attraverso i media
E’ morta di obiezione di coscienzaValentina Milluzzo? La Procura della Repubblica accerterà se sia stata immolata sull’ara del fanatismo religioso, per l’arroganza di chi gioca a fare Dio con la vita delle donne che ricorrono alle strutture ospedaliere per ricevere assistenza, cure e uscirne
In Europa le donne devono lottare ancora per difendere il diritto alla cittadinanza e difendersi dai controlli di Stato sui loro uteri e ovaie e da legislazioni che proibiscono le interruzioni volontarie di gravidanza, favoriscono l’aborto clandestino e mettono in pericolo la vita e la salute
Déjà vu. Una donna, una ragazza o poco più che bambina, denuncia uno stupro ma viene sottoposta ad un processo. Da vittima diventa colpevole. “Se l’è cercata”: è la pietra tombale che viene calata sulla richiesta di giustizia delle donne. Parole indecenti tessono la gogna nella quale la vittima
La campagna sul Fertility day promossa dal ministero della Salute, si è rivelata sterile e infeconda, precocemente abortita (il sito che la promuoveva è bloccato) sotto gli attacchi che si sono sollevati in rete per la rabbia. Tanta. Quella delle donne che non vogliono figli per (legittima e più
Oggi sul mio blog si affronta ancora il tema della comunicazione sui media con una riflessione di Lorenzo Gasparrini, attivista antisessista. Cosa aspettano giornalisti e giornaliste a sottoscrivere una “carta” sul linguaggio di genere? L’occasione è l’ennesimo articolo nel quale un femminicidio
La Francia è divisa sulla condanna a soli tre anni inflitta ad Edith Scaravetti che nel 2014 sparò con una carabina al marito, Laurent Baca, poi ne murò il corpo nel cemento. Venne arrestata dopo tre mesi e avendo già trascorso più di tre anni in carcere, dopo la sentenza è potuta tornare alla
Il gesto di un carabiniere di 44 anni che ha ridotto in fin di vita la moglie, Antonietta Gargiulo e ha ucciso le figlie, Martina e Alessia di 13 e 7 anni mentre erano ancora nei loro letti, abbandonate al sonno, si inscrive nell’ennesima cronaca di morti annunciate. Luigi Capassoche sui social
“Quello che è successo ad altre colleghe come me si chiama in un solo modo: VIOLENZA” è la denuncia indignata che Cristiana affida il 26 gennaio alla sua pagina Facebook raccontando di una perquisizione subita nei bagni del padiglione dove si stava svolgendo il concorso per entrare in
“Che terribile dichiarazione nel Paese di nascita di Simone de Beauvoir” (di cui peraltro ricorre quest’anno il 110° anniversario della nascita): condivido le parole che ha scritto su FacebookSonia Buglione, giornalista della Radio australiana SBS, sulla notizia della lettera di 100 donne
LaCasa Internazionale delle DonneaRomaha ricevuto un’ingiunzione di pagamento per circa800mila euro di mensilità di affitto non pagate, una cifra elevatissima che dovrebbe essere versataentro 30 giorni. Si presume che in caso contrario l’amministrazione comunale proceda allosgombero dei
Nicolina, lo abbiamo letto sui quotidiani,è morta ieri mattina poco prima delle sette. Non è sopravvissuta alla violenza di quel colpo di pistola sparatole in volto da un uomo, Antonio Di Paola che si è vendicato di sua madre che lo aveva lasciato. Ora i familiari di Nicolina lanciano accuse alle
“La sfortuna viene dalla bocca e ci rovina, la fortuna viene dal cuore e ci fa onore”. Con il detto di un monaco buddista giapponese (Nichiren Daishonin) che si ripete in testa come un ritornello, mi sono messa a scrivere questo post sulla relazione finale della Commissione Jo Cox (dal nome della
Stalking, se ne parla da due giorni con fortissime polemiche che qualche furbetto vuol far passare per un attacco dei sindacati al governo Renzi intorno al quale i fedelissimi e le fedelissime stanno facendo muro. Nella riforma del diritto penale è stato inserito l’articolo 162 ter che prevede la
Alla fine di marzo sono stati depositati gli esami autoptici effettuati sul corpo di Valentina Milluzzo,mortail 16 ottobre del 2016nel reparto di Ostetricia e Ginecologia dell’ospedale Cannizzaro di Catania. Li hanno resi pubblici, alcuni giorni fa, i suoi genitori durante la trasmissione Storie
Ci sono storie di violenza da cui le donne escono, dopo le quali ottengono giustizia e ricominciano a vivere. Siccome non finiscono sui giornali dovremmo raccontarle più spesso perché sono una ricchezza sia per le donne sia per coloro che le hanno ascoltate e sostenute: operatrici dei centri
Non regalatevi mimose, quest’anno: scioperate. L’8 marzo ci sarà una mobilitazione delle donne che coinvolgerà 40 Paesi del mondo e a cui parteciperanno milioni di donne. Anche il movimento Women’s March ha aderito. In Italia lo sciopero delle donne con astensione dal lavoro produttivo e
Èdovuto intervenire Andrea Checchi, il sindaco di San Donato Milanese per spostare il bidone dei rifiuti che, da giorni, si trovava davanti a un pilastro esterno all’edificio della Asl del piccolo comune della città metropolitana di Milano. Un pilastro che non sostiene solo la struttura dell’Asl
Il biondo è stato “incoronato” 45imo presidente degli Stati Uniti e oggi dalle 10 alle 13 a Washington DC è prevista laWomen’s March.L’iniziativa comincerà con gli interventi di avvocati per i diritti civili, artisti e leader politici e poi uomini e donne marceranno per le strade di Washington
Sono arrivate dalla Toscana, il Piemonte, l’Emilia Romagna, la Calabria, la Sardegna e altre regioni, con i treni e gli autobus con entusiasmo e gioia ma anche con la voglia e la forza di dire basta, non una di meno. Non muoia più o non resti piùindietro, nessuna, per la violenza di un uomo o
Oggi propongo alcune riflessioni sulle quali penso sia importante confrontarsi insieme a chi vuole lavorare con donne vittime di violenza. Giorni fa il Centro antiviolenza D.U.N.A. di Massa Carrara ha criticato l’apertura di uno Sportello antiviolenzasu iniziativa del sindacato Unione generale
E’ morta di obiezione di coscienzaValentina Milluzzo? La Procura della Repubblica accerterà se sia stata immolata sull’ara del fanatismo religioso, per l’arroganza di chi gioca a fare Dio con la vita delle donne che ricorrono alle strutture ospedaliere per ricevere assistenza, cure e uscirne
Ci siamo lasciati alle spalle da qualche giorno la Giornata Mondiale della Contraccezione (26 settembre) ma è passata in sordina la notizia che il 6 luglio scorso l’Aifa ha riclassificato alcuni anticoncezionali orali, facendoli passare dalla fascia A (mutuabile) a quella C (a pagamento) con
Déjà vu. Una donna, una ragazza o poco più che bambina, denuncia uno stupro ma viene sottoposta ad un processo. Da vittima diventa colpevole. “Se l’è cercata”: è la pietra tombale che viene calata sulla richiesta di giustizia delle donne. Parole indecenti tessono la gogna nella quale la vittima
Ieri durante un pigro e molle pomeriggio estivo, mentre mi concedevo il lusso delle ferie (c’è chi non le ha) mi arriva un accorato messaggio su Facebook. Una amica scrive in rima: “Il Fatto lo ha rifatto!”. “Cosa?”. “Con la Boschi! La vignetta! Le cosceeeee. Riesci a scriverci, Nadia?”. Rispondo
Le donne? Gallinelle e cagne.Nei giorni scorsi, sul blogPasionaria.itè stato denunciato il linguaggio di The Morning Show in diretta su Radio Globo, tutti i giorni. L’emittente trasmette a Roma e nelle province di Latina, Rieti e Viterbo. Durante le puntate andate in onda dall’8al15 luglio, i
Il 18 marzo Paolo Cugno ha sferrato sei coltellate alla moglie Laura Petrolitoe poi l’ha gettata in un pozzo artesiano. Secondo il blog“In quanto donna” sarebbe la diciassettesima donna uccisa nel 2018. E ieri si è aggiunta ancheImmacolata Villani, assassinata dal suo ex marito Pasquale Vitiello
Venerdì 23 febbraio, dopo tre ore di udienza, il tribunale di Lucca ha revocato un provvedimento di allontanamento di un minore dalla madre che aveva subìto violenza dall’ex e paradossalmente era stata giudicata adeguata ma ostativa nella relazione tra il padre e il figlio.D.i.Re nei giorni
“Io per esempio sono, almeno mi pare, maschio e zappo l’orto per ricavarne frutta e verdura. Chi mi paga? Nessuno. Inoltre cucino quando non sono impegnato in redazione. Esigo forse dei soldi statali? Basta con gli oboli a chiunque non presti un opera lavorativa autentica” Il goffo articolo di
Due sentenze che riguardano fatti accaduti a Torino stanno facendo discutere in questi giorni. Le ricordo: Il 3 gennaio scorso diversi quotidiani hanno riportato la notizia della sentenza del Tribunale di Torino che ha assolto un uomo di 41 anni processato per maltrattamento nei confronti della
Caro diario, Harvey Weinstein è un potente e ricco produttore cinematografico americano, finito sotto inchiesta per accuse di stupri e violenze. Il caso è scoppiato in America e se ne è parlato anche sulla stampa italiana. Soprattutto quando Asia Argento ha rivelato di aver subito, 20 anni or
Dopo l’allarme, l’indignazione, la rabbia suscitata dagli stupri di gruppo denunciati a Rimini alla fine di agosto per i quali sono stati arrestati quattro giovani immigrati, arriva sulle pagine dei quotidiani la notizia di uno stupro denunciato a Firenze da due giovani americane che hanno
L’Italia non è un Paese per donne. Le statistiche ce lo ricordano impietosamente tutte le volte. La “Relazione annuale sulle convalide delle dimissioni e risoluzioni consensuali delle lavoratrici madri e dei lavoratori padri“,presentata alla fine di giugno al Ministero del Lavoro, descrive la
Ieri Bruno Tinti, ex magistrato e scrittore, ha pubblicato sul Fatto quotidianoun commento dal titolo“Il femminicidio va punito, ma solo se ci sono prove”, criticandole 31 pagine della sentenza con la quale il tribunale di Messina ha condannato la Presidenza del Consiglio dei ministri a risarcire
A Lucca uno psichiatra ha rifiutato la consulenzaa una donna che voleva sottoporsi a un aborto terapeutico. Uncaso senza precedenti. La 194 prevede l’interruzione volontaria della gravidanza entro 90 giorni ed estende il termine: “Quando la gravidanza o il parto comportino un grave pericolo per
Una petizione sulla piattaforma di Change.orgper bloccare lo sfratto di un Centro antiviolenza a Tor Bella Monaca, nel territorio del Municipio VI di Roma. Stefania Catellapresidentessa del Centro di supporto popolare psicologico (Cespp) che ha dato vita al Centro antiviolenza Marie Anne Erize
Avviene che una donna subisca violenza e decida di denunciare. Non una, più volte. Chiede aiuto alle istituzioni per essere protetta, insieme al figlio, dai maltrattamenti e dalle minacce di un uomo violentoma avviene che venga lasciata sola. Non è lei a morire, nell’ennesima aggressione violenta
“Eravamo marea, ora siamo un oceano e nessuno scoglio ci potrà fermare”: l’assemblea plenaria di Nonunadimeno si è conclusa con queste parole alle 16,45 di una domenica pomeriggio piovosa che non ha raffreddato le grida gioiose e gli applausi nelle aule di Giurisprudenza dell’Università di
Toh! Guarda non mi dire….la cultura dello stupro circola (anche) sul web. Benvenuti nel club, sempre più allargato per fortuna, di donne e uomini impegnati contro la cultura del femminicidio che non è solo quella del maltrattamento nelle relazioni di intimità, delle molestie o dello stupro
Sono arrivate dalla Toscana, il Piemonte, l’Emilia Romagna, la Calabria, la Sardegna e altre regioni, con i treni e gli autobus con entusiasmo e gioia ma anche con la voglia e la forza di dire basta, non una di meno. Non muoia più o non resti piùindietro, nessuna, per la violenza di un uomo o
Il 21 ottobre nell’aula del Palazzo dei Gruppi parlamentari si è svolto il convegno “Coscienza senza diritti?” Organizzato dal Centro studi Rosario Livatino(il giudice “ragazzino” ucciso dalla mafia il 21 settembre 1990, ndr). I relatori erano tutti uomini. Nessuna donna è stata invitata a
Il 14 ottobre scorso il “Comitato Donne Arezzo per il Sì” che sostiene la Riforma costituzionale ha organizzato un incontro pubblico insieme allasenatrice democratica Donella Mattesini (promotrice dello stesso comitato) per parlare della parità di rappresentanza tra uomini e donne che la riforma
Venerdì o forse sabato sera a pochi chilometri da casa mia, a Ravenna, Giulia Ballestri veniva ammazzata a bastonate in una villa disabitata e poi gettata nello scantinato con indosso solo un reggiseno, forse come ultimo sfregio.Il marito, Matteo Cagnoni è stato arrestato lunedì all’alba. La
Déjà vu. Una donna, una ragazza o poco più che bambina, denuncia uno stupro ma viene sottoposta ad un processo. Da vittima diventa colpevole. “Se l’è cercata”: è la pietra tombale che viene calata sulla richiesta di giustizia delle donne. Parole indecenti tessono la gogna nella quale la vittima
Vania non ce l’ha fatta. Vittima della violenza dell’ex, è stata uccisa come decine di donne che prima di lei (dall’inizio dell’anno più di 60) avevano lasciato un uomo. I casi di aggressione col fuoco stanno aumentando, sei in pochi mesi, forse per emulazione o forse per un bisogno maschile di
D.i.Re,la rete nazionale dei centri anti-violenza, lancia un appello alle donne per pensare azioni condivise in difesa dei loro diritti e per questo invita tutte a un incontro nazionale a Roma in una assemblea aperta. Le iniziative demagogiche e di facciata che pretendono di intervenire, ancora