Quando parliamo di violenza, la nostra maggiore risorsa è fare arrivare alla gente comune quanto essa faccia parte della nostra vita e che l’unica possibilità di dire davvero “noi no” è riconoscerla e  affermare senza esitazione “tutti noi siamo a rischio”. Faccio riferimento alla campagna di... Quando parliamo di violenza, la nostra maggiore risorsa è fare arrivare alla gente comune quanto essa faccia parte della nostra vita e che l’unica possibilità di dire davvero “noi no” è riconoscerla e  affermare senza esitazione “tutti noi siamo a rischio”. Faccio riferimento alla campagna di sensibilizzazione contro la violenza
imageAlghero, estate 2013 Ho conosciuto la Sardegna a Urbino, nel 1979,quando la mia vita ha incontrato all’università la vita dei miei amici. È un pezzo di casa, quello che ogni volta mi abbraccia con la sua bellezza. L’estate scorsa, durante uno scambio di mail, un
20
Nov
2013
imageCon l’avvicinarsi della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne si moltiplicano le campagne sulla violenza contro le donne, appunto. Posto che è difficilissmo fare una campagna su questo tema, una cosa è certa: non si combatte la
20
Nov
2013
Ieri c’è stata un’ecatombe su Facebook, e probabilmente non avrà spiegazioni. Come detto nei commenti, il mio profilo e quello di Linda Rando di Writer’s Dreamsono stati bloccati e ci è stato richiesto un documento d’identità per poter accedere
di Leda Bubola E vi chiederete: “ma ho già letto questo post?” Ma, se sarete attente, osserverete che l’incontro del 14 dicembre che si terrà a Bologna non è lo stesso. Daniela Pellegrini si era già preoccupata di fare chiarezza esprimendo il suo
imageL’ultima campagna Ford per la gamma di auto monovolume Max Family, destinata a tv, radio, stampa e internet (non solo in Italia ma in diversi paesi europei), promette un’idea ampia e varia di famiglia che mantiene fino a un certo punto. All’inizio si vede una sposa in abito
Marina de CarneriDa alcuni anni anche in Italia i media hanno cominciato a utilizzare la parola ‘femminicidio’ per indicare il fenomeno della violenza omicida degli uomini contro le donne. Questa parola non piace a molti e ha sollevato perplessità e perfino reazioni di rigetto in alcune persone
La denuncia del Dr Morcavallo è forte, lineare, potente e drammatica. http://istitutodeglinnocenti.waypress.eu/RassegnaStampa/LeggiArticolo.aspx?codice=SIA4134.TIF&subcod=20131107&numPag=4&tipo=GIF E’ essenziale una risposta dei politici al riguardo e obbligatoria. Ci sono tre aspetti
imageL’ho detto a quattro parenti stretti. Mi hanno detto che ora ero una merce danneggiata e che dovevo mantenere questo segreto all’interno della famiglia. Numero di volte in cui mi ha stuprata: centinaia. Numero di persone a cui l’ho detto: tre. Numero di cicatrici
16
Nov
2013
imageCon “Argumentum ad populum” si indica l’errore logico per cui solo perché una cosa qualsiasi è popolare deve essere vera, o desiderabile. Senza dubbio vi sono molte nozioni popolari che sono anche vere, ma la loro verità non è una funzione della
“..Arriva dritta da Venezia dove nei giorni scorsi Camilla Seibezzi, delegata del sindaco Giorgio Orsoni per le pari opportunità, ha avanzato l’illuminata proposta di sostituire a mamma e papà i termini «genitore 1» e «genitore 2», per non fare torto … Continua a leggere → Leggi Tutto
imageLa sezione di Bologna dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) si sta ponendo il problema di comunicare in modo efficace – a scopi preventivi – i rischi che provengono alla vita di tutti noi da terremoti e vulcani. Un bel problema, visto che la cosa
imageElisabetta Baccarin Appena postata la recensione del libro di Donatella Bisutti, mi arriva una mail di Elisabetta Baccarin. Oggetto: «Quel regalo sguaiato mi ha fatto venire in mente questo, di qualche tempo fa». È uno dei suoi originali racconti, altri ne ho in
Come forse saprete, un articolo di Erri De Luca per l’Agenda 2014 di Magistratura Democratica ha portato alle dimissioni di Giancarlo Caselli dalla stessa MD. Qui sotto pubblico l’articolo medesimo. La sensazione di dover ripensare e rinarrare il decennio dei Settanta in modo
“Mamma, anche stavolta il maestro ci ha raccontato una storia spaventosa. Questa parlava di un serpente gigante, lungo più di cinque metri, che è capace di divorare un bambino intero”. Oggi è andata decisamente meglio del solito, penso, me ne parla col sorrisetto
imageClicca sulla locandina per ingrandire e leggere il programma Per chi è nella zona (Brescia-Bergamo), vi segnalo un ciclo di incontri serali a Palazzolo sull'Oglio intitolato “Dalla parte dei bambini e delle bambine” di cui sono moderatrice.Dopo un interessante
imageCertamente è frustrante andare contro il colossale mostro del patriarcato, marciare controcorrente, battersi per diritti e poteri minoritari contro i poteri forti, prendersi insulti, passare la vita ad essere demonizzate, ridicolizzate in quanto femministe. Ma mai e poi mai la
Pinot Gallizio, caverna dell’antimateria. Scatto rubato al Complesso Monumentale del San Giovanni, Cz In uno scritto di Pina Nuzzo  su laboratorio donnae, a proposito della 194,  leggo <<Parliamone, discutiamone, ma non è necessario supportare le considerazioni
image- scritto di Pina Nuzzo - Storicizzare aiuta a leggere il presente. Ricordo che alle elezioni politiche del 2008 Giuliano Ferrara lanciò una crociata contro la 194, più precisamente sferrò … Continua a leggere→... - scritto di Pina Nuzzo - Storicizzare aiuta a
C’è un racconto di Ray Bradbury,The Scythe, dove un uomo riceve una terribile eredità che inizialmente non comprende: una falce, come da titolo, e un appezzamento dove il grano cresce in modo discontinuo, e soprattutto marcisce appena viene tagliato. In cambio, avrà
Quando si parla di violenza non c’è niente da ridere: in ogni sua declinazione, dalle parole per ferire o ghettizzare sino al femminicidio c’è l’escalation del lato peggiore dell’umano, e ogni minimizzazione o ridicolizzazione condisce ancora di più l’ingiustizia che la violenza sottende. Però per
Una giornalista interessata al problema del linguaggio sessista, mi diceva che dopo tante resistenze, la parola femminicidio era stata finalmente adottata dalla stampa e dalla televisione. E questo è vero. L’hanno adottata ma come un cattivo genitore che poi ne abusa. La
image(tratto dall’intervista a Richard Armitage di Elle Morris, per New York Moves, 16 novembre 2013. Richard recita come Thorin Scudodiquercia nella trilogia de “Lo Hobbit”. Trad. Maria G. Di Rienzo.) Quando gli chiedo se la violenza nei film e in altri spettacoli di
Quando parliamo di violenza, la nostra maggiore risorsa è fare arrivare alla gente comune quanto essa faccia parte della nostra vita e che l’unica possibilità di dire davvero “noi no” è riconoscerla e affermare senza esitazione “tutti noi siamo a rischio”. Faccio riferimento alla campagna di
imagedi Angela Giannitrapani Il funerale di Lea Garofalo a Milano Novembre è il mese disseminato di iniziative contro la violenza sulle donne. Negli ultimi anni si sono moltiplicate, arrivando ad alcuni rami delle istituzioni. È un appuntamento che, diverso dalle giornate della
Vale sempre la pena fare una visita sul forum di Writer’s Dream, dove spesso vengono ospitati editor e scrittori e fanno capolino anche gli editori. Per esempio, giusto ieri, Baldini&Castoldi (immagino nella persona di un responsabile o direttore editoriale) interviene in una
imageIl gatto Camillo in pelo e ossa Lei è poeta, lui pittore. Lei è Mariacristina Pianta, lui Emilio Palaz. Si amano, vivono insieme, sono fonte di ispirazione l’uno per l’altra. La loro unione è monitorata dal coinquilino, il gatto Camillo, che Mariacristina
Funziona così: ogni tanto gli elefanti rosa escono dal barile di birra dove trascorrono il letargo e tornano a marciare davanti ai nostri occhi. Ci sembra di averli già visti e di conoscere molto bene la fanfara, ma scacciamo la sensazione e ci godiamo lo spettacolo. In queste
imagedi Angela Giannitrapani Angela Giannitrapani Il padre socchiuse gli occhi, ricominciò a parlare con i suoi fantasmi, chiamandoli ad alta voce, raccomandando loro di fare questo e quello, e tessendole intorno una ragnatela di personaggi evocati con i quali era costretta a recitare
Beatriz GimenoVorrei dire all’Arcivescovo di Granada di superare le sue ossessioni, persino il Papa l’ha detto.E’ chiaro che agli uomini della chiesa cattolica piacciono le donne sottomesse, anche se ho paura che le loro menti complesse le immaginino potenti e dominatrici, una ragione che
imagedi Mariagrazia Sinibaldi Mariagrazia in Sardegna l’estate scorsa Quando la signora Vecchiottina arrivò in macchina, dall’ospedale Galeazzi, (dove si era tanto divertita) alla struttura nella quale avrebbe soggiornato fino alla completa rimessa in funzione del suo
Questa è Angela Carter. Se l’avete dimenticata, sappiate che è stata una grande scrittrice. Se non l’avete mai letta, procuratevi almeno La camera di sangue, dove si trova anche La compagnia di lupi, che divenne film di Neil Jordan. Potendo, procuratevi anche gli altri
14
Nov
2013
Leggo  di un incontro cittadino, di un paio di giorni addietro, per “un patto per la democrazia paritaria”, che ha visto la partecipazione di rappresentanti della Fidapa Catanzaro; Fidapa Cosenza; Mediterranea Media; Comitato Pari Opportunità Ordine degli Avvocati
Marzia Vaccari intervista Raffaele Salinari, presidente di Terre des Hommes. L’associazione per i diritti umani olandese, Terre des Hommes, ha condotto un esperimento per attirare l'attenzione su un fenomeno in grande crescita, il cosiddetto “turismo sessuale” tramite webcam
imageNell’ultimo mese ho fatto un gioco: ho sfogliato le riviste femminili più diffuse in Italia per verificare qual è l’immagine della donna che più spesso la pubblicità associa ai prodotti destinati al pubblico femminile: calze, cosmetici, gioielli
C’è un quadro di Edvard Munch che si chiama Giardino con casa rossa.  Munch lo dipinse a 21 anni, nel 1882, e non sembra esserci traccia dei lutti che portava nel cuore, della malattia e della morte della madre e della sorella Sophie che saranno lo straziato soggetto di altri
image  Seconda parte di un ciclo di articoli che illustra in Italia il percorso abolizionista francese ad un possibile pubblico al quale un’informazione monopolizzata e tesa ad isolare la comunità italiana nasconde la realtà internazionale sul fenomeno della
Si avvicina il 25 Novembre, Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne e il fermento intorno comincia a farsi sentire, soprattutto per chi lavora nei contesti del maltrattamento domestico. Una data è pur sempre soltanto una data, quel che si vuole ottenere è un
Care tutte, come è già successo l’anno scorso, dopo l’incontro il blog entra in nuova fase. Accoglie come sempre notizie di incontri, resoconti, interventi che abbiano ben chiara la connessione con Paestum , il Primum vivere, con Libera ergo sum.  Pensiamo che questa
GoyaDisonorare la violenza Due giornate di studio sulle radici culturali della violenza maschile 14-15 novembre 2013, Aula Magna, Borgo Carissimi 10, Parma Francisco Goya, "Scena di stupro e di omicidio", 1808 (particolare) Negli ultimi anni è cresciuta nel nostro paese
Donna e uomo si leggonoScriversi, leggersi, per trasformare le nostre relazioni Come uomini, abbiamo imparato che il partire da sè e la condivisione dei propri vissuti sono qualcosa di culturalmente e psicologicamente difficile per il maschile, educato tradizionalmente ad occultarsi dietro l'astrattezza, il
Siamo qui ancora una volta a piangere i morti dell’ennesimo disastro ambientale dovuto all’incuria dell’uomo. Le responsabilità dell’alluvione che ha colpito la Sardegna, al netto della bomba d’acqua che si è riversata su quel territorio, sono delle istituzioni. Locali e nazionali. È evidente che
Amparo Ariño Verdú, dottora in filosofia, presso l'Università di Valencia.Mi concentrerò sull’alienazione del corpo che subiscono le donne per il solo fatto di essere tali. Sarà quindi una situazione specificamente femminile. Da questo punto di vista, mi domando: a chi appartiene il corpo
imageAttenzione: le rappresentazioni delle donne nei media non hanno alcuna influenza sulla violenza di genere. Lo dice un’autorità in materia, una “giornalista madre di due figli”. Perché è un’autorità in materia? Diamine, perché è
“Lo sapevo”, disse lei ridendo, “vivere è una cosa tantoscioccache ci si attacca persino alla sciocchezza di essere nati.”Cesare Pavese, Tra donne solePerò a me non sembrava che era il caso di prendere per il culo.Per il culo, ci potevano prendere a tutti e quattro:si può prendere per il culo
18
Nov
2013
imageL’ultima conferenza l’ha tenuta nello scorso settembre, ad un’iniziativa laburista contro le politiche britanniche sull’austerità. “Ho vissuto molto a lungo e ho una buona memoria.”, ha detto agli oltre 300 delegati, “Ho attraversato due guerre
imageDa qualche giorno è partita la campagna di Intervita contro la violenza sulle donne, quest’anno curata da cOOkiesADV. Noto con soddisfazione il cambiamento radicale di Intervita: dalla campagna «Stai zitta, cretina» del 2011 a oggi, siamo in un altro mondo. Il focus
Anni di amicizia e di impegno comune per diffondere la cultura e la storia delle donne on e off line finalmente convergono su una traiettoria condivisa: ebook @ women- la libreria digitale femminista e l’Enciclopedia delle Donne sono liete di annunciare l’inizio di una collaborazione
Dopo le atroci notizie di stupri e violenze in India, e passata la curiosità per le immagini dei cortei di donne con i bastoni in risposta dell’insostenibile clima di impunità verso il sessismo nel complicato sub continente, l’attenzione dei media si è spenta, salvo appunto tornare a puntare i
imageMie care e miei cari, sto leggendo uno studio sull’influenza della mancanza di modelli positivi in televisione, al cinema, nei libri ecc. per bambine/ragazze ed è un lavoro davvero deprimente. Per tirarmi un po’ su di morale ho dato un’occhiata al sito “A mighty
di Barbara Verzini, Tristana Dini, Stefania Tarantino La proposta di incontrarsi a Bologna il 14 dicembre è nata dal nostro desiderio di rivedere tutte quelle donne che a Paestum 2013 abbiamo sentito dissonanti ma vicine per biografia politica e condizioni di vita materiale condivise. A
imageLa notizia non è nuova, ma a me è arrivata da poco e suppongo ci siano altre che non la conoscono. Perciò. Donne, ascoltate: voi non lo sapete ancora, ma non è sufficiente arricciarvi i capelli se li avete lisci, stirarli se li avete ricci, e diventare bionda se siete
imageGuardando le cose in una prospettiva strategica che vada oltre le primarie del Pd, guardando al possibile futuro candidato premier del centrosinistra, è da mesi che penso che Matteo Renzi abbia (finora) un unico vero avversario: Enrico Letta. È da mesi inoltre che penso che certi
di Letizia per il Collettivo femminista maistarezitte di Brindisi A Paestum siamo rimaste molto perplesse nel verificare che il capitalismo non contrasta il patrimonio dei movimenti delle donne e la teoria femminista ma l’assimila a sé, abbiamo riscontrato un femminismo tra virgolette
In Italia due ginecologi su tre sono obiettori di coscienza. Prendo spunto da questo dato letto in un articolo odierno pubblicato su Lastampa.it per condividere con voi le parole di un post che mi ha commossa, quello di Loredana Lipperini, unendomi alle altre blogger che come me hanno voluto
Si avvicina il 25 Novembre, Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne e il fermento intorno comincia a farsi sentire, soprattutto per chi lavora nei contesti del maltrattamento domestico. Una data è pur sempre soltanto una data, quel che si vuole
imageUn abito di Maria Cumani esposto a Firenze «Da Salvatore Quasimodo ebbi l’impressione di essere capita e accettata quale veramente io ero». Scrive così, Maria Cumani, nel suo diario. Del poeta è stata poi moglie, donando a lui molti dei suoi talenti. In
Questo articolo da Il Ricciocorno Schiattoso (lungo ma, per favore, leggetelo, è importante per tutt*) , per mezzo di un raffronto tra un reportage e delle schermate prese dalla rete italiana, mostra ciò che stiamo denunciando anche su questo blog da anni, cioè l’unità delle strategie del
imageIeri Enrico Letta è apparso – per l’ennesima volta – in televisione, stavolta ospite dell’Arena di Massimo Giletti, dove ha dato prova – per l’ennesima volta – di una particolare abilità: apparire di continuo senza dare troppo
imageDopo la discussione dell’altro giorno sul danno d’immagine che Anna Maria Cancellieri ha subito nell’ultima settimana, credo valga la pena ricapitolare alcune cosiderazioni sul perché in Italia gli uomini e le donne di potere tendano a non dimettersi mai, nonostante
imageSi è riaperto, in questi giorni, il dibattito sulla 194 , il pretesto è il cimitero dei non nati a Firenze. Ancora una volta sembra che si parli di donne … Continua a leggere→... Si è riaperto, in questi giorni, il dibattito sulla 194 , il pretesto è il