Piccola premessa lessicale: la parola “sessista” non piace neanche a me, e sì, certe volte è usata anche a sproposito. Si potrebbe usare tranquillamente la sua traduzione, ovvero “che discrimina in base al genere”. Sessista, insomma, è qualunque affermazione, comportamento, norma, decisione che opera una discriminazione perché una persona è donna. Oppure, anche, uomo (non […] L'articolo Maurizio Sarri: altro che rispettosa, Leggi Tutto
L’hanno chiamata la proposta di legge “anti-fischio”. Perché assegnerebbe una multa, fino a 350 euro, persino a chi per strada fa gesti, apprezzamenti, o commenti sessuali pesanti verso un passante (donna ma anche uomo). Succede in Francia, non da noi, ma ovviamente in Italia si sono scatenate le
Le storie - Francesca, magazziniera: “Se denuncio, nessuno mi riprende: le voci girano”. Chiara: “Costretta a licenziarmi, con un bebè mi imponevano trasferte assurde” L'articolo “Noi madri single tra ricatti e molestie: altro che #MeToo” proviene da Il Fatto Quotidiano. Leggi Tutto
Ho sempre pensato che i giornalisti non dovessero esplicitamente dichiarare il loro voto. Né, tantomeno, avere tessere di partito, che infatti non mai avuto.Dunque non lo faccio anche stavolta, nonostante la prospettiva insopportabile e molto concreta diun ennesimo governo tecnico o, peggio, di
Non sono bastati allarmi di ogni tipo sulla denatalità inquietante del nostro paese e sulla conseguente demografia impazzita, né centinaia di articoli o servizi sul dramma di giovani che non possono permettersi di avere figli o sull’ansia delle famiglie che non riescono a far fronte alle spese
Che cosa accomuna Renzi e Berlusconi, Salvini e Di Maio? Semplice: una scarsa o nulla conoscenza della lingua inglese, come dimostrano i video pubblici nei quali i diversi leader parlano. A salvarsi, Paolo Gentiloni a parte, sono soprattutto le donne: Emma Bonino, ad esempio, ma anche Laura
“Consentire a Michelle Hunziker di utilizzare la platea di Sanremo per distribuire un gadget riferibile all’associazione con cui condivide la titolarità con l’avvocata Giulia Bongiorno quando questa è in campagna elettorale non ha nulla a che fare con la sensibilizzazione del pubblico al tema
Nella comunicazione vige una regola aurea: se un commento, un articolo o un’esternazione sono troppo stupidi, patetici e soprattutto in malafede per essere commentati, la scelta migliore è lasciarli senza risposta, affinché cadano nel dimenticatoio il più presto possibile. L’articolo di Vittorio
Non sono un assistente sociale, una psicologa, né tantomeno sono un giudice. Parlo dunque semplicemente come giornalista che si occupa da anni di maternità e di infanzia, parlo come donna e madre. Ma da questo punto di vista non posso che giudicare come un atto ingiusto e violento quello di
La notizia è che Facebook ci vuole bene, ha a cuore il nostro benessere e ha deciso quindi improvvisamente di dare priorità alle interazioni significative, come quelle tra parenti e amici: loha annunciato Mark Zuckerberg in un post del 12 gennaio scorso sul suo profilo Facebook, spiegando al
Le vacanze natalizie dotate di pacchetto “visita città europea” sono quanto di più nefasto possa esistere. Perché di solito, se si gira tra Parigi e Berlino, Amsterdam e Copenaghen, si torna sempre con quell’atmosfera di città family friendly cucita addosso: bici, posti sul bus per bambini e
Due foto con un agnellino scuoiato in braccia, cui era stato messo un ciuccio in bocca: è bastato questo a scatenare l’ira di migliaia di persone che hanno inondato di commenti la pagina Facebook del gruppo di supermercati Carrefour, invocando sanzioni disciplinari, ma soprattutto il
Essere obeso è, in un certo senso, come essere ammalato oppure vecchio: ti rendi conto di cosa significa realmente quando grasso ci diventi, proprio come quando all’improvviso ti ammali, oppure capisci di essere diventato ineluttabilmente anziano. Sono condizioni della vita che tendiamo a
Può sembrare un argomento minoritario, specie in questi giorni di allestimenti di presepi e canti natalizi. Una crociata ideologica inutile della solita mangiapreti anticlericale di turno (che non sono), che vuole distruggere le nostre belle tradizioni e si occupa di cose che non fanno male a
Problemi con gli pneumatici? Se siete a Milano il prossimo 5 dicembre fate un salto nella sede dell’Aci in corso Venezia. Troverete un convegno dal titolo “Gli pneumatici alla base della sicurezza sulla strada: la giusta applicazione delle norme e l’evoluzione tecnologica negli anni”. Un corso
Che Fausto Brizzi vada considerato innocente fino a prova definitiva è un’affermazione persino banale. Ma che le accuse che gli sono state rivolte – per il numero delle testimoni e per la gravità delle cose dette – facciano luce su un comportamento gravissimo e inquietante dovrebbe essere cosa
A prima vista appare qualcosa di finalmente moderno: nell’Italia conservatrice e arcaica, la proposta del premier Gentiloni di inserire lo yoga nelle scuole sembra proiettarci agilmente nel futuro. In fondo, perché no, si tratta nell’immaginario comune di una pratica che “seda” i bambini
Può capitare a tutti quelli che vanno in tv di lasciarsi andare ad affermazioni goffe o sbagliate. Però se sei un politico, che ti piaccia o meno, devi poi accollarti le conseguenze, tanto più se invece di una battuta infelice hai fatto un vero e proprio ragionamento di quelli che fanno saltare
È un tormentone che si ripresenta ciclicamente nelle colonne di destra dei giornali, quelli adibite alla produzione di clic facili: il tema delle attrici e dive – notare che non ci sono mai uomini – ancora splendide a cinquanta o più anni. I titoli usati per accompagnare le varie gallery di foto
Che le cose non andassero bene lo sapevamo già da sole, prese come siamo da giornate sincopate e sul filo della follia, fatte di accompagnamenti di figli a scuola, spesa, pulizia della casa, lavoro quando c’è, compiti, cena, organizzazione della vita familiare in tutti i suoi aspetti. Ma il fatto
Si sente come una Barbie “parecchi anni dopo”: ha le caviglie gonfie, ha scoperto che Ken è gay, vive in un loft e si fa chiamare Barbara. In alternativa è zia Lynne: infatti sua sorella ha tre figli, “si alza alle sei e porta in giro tutto il giorno persone ingrate come una triste autista
Giordana è una napoletana trapiantata in Germania, dopo avere lavorato come architetto a Barcellona e a Dubai. E ora vive nella città tedesca insieme ai suoi due bimbi e al marito. E a differenza dell'Italia, dove l'aiuto dei genitori sarebbe indispensabile, ad Amburgo sanità e servizi per le
La più grande arroganza (e insieme il più grande errore) del Partito Democratico è stata l’assoluta indifferenza verso un’analisi accurata e profonda della società italiana e dei suoi cambiamenti. Gli sarebbe bastato leggere i continui rapporti Istat, tanto per citare il più noto degli istituti
Un libro dedicato a quanti vogliono lasciare a terra le ansie per tornare a prendere l’aereo. Un viaggio con un medico e una donna per decenni preda della sua fobia L'articolo Vinci la paura di volare e ti sentirai (quasi) un dio proviene da Il Fatto Quotidiano. Leggi Tutto
È un fiume in piena Umberta Telfener, filosofa, psicologa clinica e feconda scrittrice, che da poco ha pubblicatoLetti Sfatti. Una guida per tornare a fare l’amore(Giunti). Un manuale, spiega, “dedicato a tutti coloro che combattono la sciatteria dei rapporti”L'articolo Sesso, “se perfino
Una mano rugosa con due fedi nello stesso dito, un bagno dove restano ancora due spazzolini, una casa silenziosa dai mobili antichi – una pendola, un crocifisso – dove un anziano si aggira, sfiorando i vestiti di una donna che non c’è più, le sue foto, i piccoli aerei di carta che lei faceva. Si
Va bene, gli uomini che ricattano le attrici per avere sesso in cambio di una particina fanno schifo e sono colpevoli; va bene, un magistrato che impone un dress code succinto e l’assenza di fidanzato per accedere a borse di studio fa schifo ed è colpevole; va bene, trecento e passa business men
Con i capelli bianchi, presbiti, quasi in menopausa o con la prostata ingrossata. Così sarebbero, secondo il Partito democratico, i giovani italiani. Già, perché se si dovesse dare retta allo slogan elettorale che annuncia da mesi “una pensione di garanzia per i giovani” – cioè, secondo Cesare
Non sono un’assistente sociale, una psicologa, né tantomeno sono un giudice. Parlo dunque semplicemente come giornalista che si occupa da anni di maternità e di infanzia, parlo come donna e madre. Ma da questo punto di vista non posso che giudicare come un atto ingiusto e violento quello di
La fatica di una gravidanza, il peso fisico ed emotivo di un parto, la durezza dell’allattamento (tutt’altro che una cosa serena e dolce), l’impegno – enorme – dei primi mesi. Avere un figlio è un’impresa veramente titanica, in un certo senso persino un trauma. Chi lo affronta dovrebbe essere
Il ventenne che non ti dà la precedenza perché ormai privo del concetto di limite, la signora mechata sulla Smart che ti supera a destra col telefono all’orecchio, la drogata dello shopping che lascia l’auto al posto handicappati perché “tanto ci metto un minuto”. Per non parlare di quelli che
È una sentenza importante quella con cui la Corte Costituzionale – nel relativo silenzio dei giornali e degli organi di stampa – ha, sia pur con prudenza, apertoalla possibilità che sia considerata madre di un bambino nato da utero in affitto la donna che non lo ha partorito, ma cercato
C’è una tale indifferenza rispetto al tema del parto nel nostro paese che l’incantevole serie tv Chiamate la levatrice, prodotta dalla Bbc, è stata ignorata dalla Rai e trasmessa, invece, da Rete 4 (e poi da Netflix). La storia è quella di un gruppo di levatrici che nell’Inghilterra degli Anni
Se sono una lavoratrice autonoma con due figli di tre e cinque anni, tutto ciò a cui ho diritto oggi, pur avendo messo al mondo due bambini, sono unicamente i miseri sgravi fiscali di sempre, che coprono a malapena le spese per il latte. Niente bonus mamma domani, niente bonus asilo nido o bonus
Alcolizzato, drogato, massone, personaggio oscuro e maledetto capace di presagire la sua stessa morte e scriverla in una canzone di dieci anni prima. Ma anche, al tempo stesso, autore di canzoni non sense, leggere, disimpegnate, e insieme buffone da palco, burlone televisivo, giullare. Di Rino
Può esistere qualcosa di più insidioso delle molestie e dell’aggressione sessuale esplicita, di cui mezzo mondo sta discutendo? Sì: è il clima di costante e strutturale ambiguità che esiste quando una donna si trova a parlare di un lavoro con un uomo con un potere superiore al suo. Lei sa, e lui
Nell’enorme flusso di parole che si è consumato sul caso Argento-Weinstein la frase più vicina alla verità l’ha detta il filosofo Massimo Cacciari: che le donne debbano sopportare molestie sessuali è una delle grandi tragedie del nostro tempo. Rivolgere dunque commenti sarcastici verso una
Scrivo questo post dopo un’osservazione di lunga data del mondo maschilerispetto al tema del sesso e dell’avere una relazione sessuale con una donna (anche aiutata da testimonianze di amiche e conoscenti). Non ha – ovviamente – alcun valore statistico, eppure sono certa che in molte si
“Lara ieri avrebbe fatto dodici anni, è dodici anni che non c’è”. Chi mi parla è Alessandra, che oggi ha 44 anni, vive a Como ed è una donna forte, nonostante gli urti della vita, tra cui – anche – la crisi economica che l’ha costretta a fare i lavori più disparati (persino, lei colta
Da bambina cresci aspettando il momento fatidico in cui potrai finalmente “truccarti”. E quando arriva metti mano ai risparmi per comprare un set di strumenti talmente numerosi e costosi da diventare una voce di bilancio, da quel momento e per tutta la vita, imponente e gravosa (copriocchiaie
La notizia sta facendo il giro dei giornali, che ne danno conto senza commento, quasi si tratti di una cosa normale. Evviva, la prima sposa single d’Italia, che cosa simpatica, che idea intelligente, accaparriamoci le foto. Ma per fortuna la stessa notizia è anche tra le più commentate sul web
Ci sono delle notizie che provocano emozioni forte e immediate, e insieme una sensazione di straniamento e disagio verso ciò che contengono. È il caso di quella che ho provato leggendo dai giornali che venerdì si terranno i funerali di Alessia e Martina, le due bambine uccise dal padre
Hanno scritto una lunga lettera diretta ai quotidiani e trasmissioni italiani. Perché sono stanche di vedere che di loro, 30.000 in Italia, con 12.000 morte ogni anno, i media non parlano mai. “Leggiamo molti articoli e notizie sul cancro al seno”, si legge nella lettera, “e ci colpisce la
Sono troppo giovane per essere stata comunista quando il comunismo, nella Prima repubblica, stava all’opposizione ma dettava un immaginario di emancipazione dalla povertà e di uguaglianza per chi credeva nei suoi ideali. Sono abbastanza vecchia invece per aver votato per la prima volta
Si è fatta strada piano piano, nei post sui social, nei commenti, nelle chat. E oggi la usano in tanti, in fondo è pratica, intuitiva. È la categoria di “nazifemminismo”, che cade sulla testa di qualunque donna denunci con particolare pathos la condizione femminile, magari criticando quegli
Un tempo il seno era, per noi donne, soprattutto un oggetto di seduzione, una zona erogena da stimolare durante un rapporto d’amore e di sesso. Un organo con cui si avere talvolta un rapporto complicato, troppo piccolo, troppo basso, ma comunque qualcosa non certo di minaccioso. Oggi, anche se
Premessa sostanziale: che 124 attrici del cinema italiano si siano messe insieme, incontrandosi e discutendo, e abbiano fatto una lettera pubblica in cui denunciano un sistema marcio e prendono posizione a favore di chi ha parlato è un fatto importante e positivo. Anzi, ci si attendeva questa
La notizia si è persa nel rumore quotidiano, classificata come un altro dei soliti rapporti sulle sfighe del nostro paese. Questa volta, però, santo cielo, il dato avrebbe meritato le prime pagine: secondo l’Istat, una donna su due tra i 18 e i 49 anni, in Italia, non ha figli. In totale, 5,5
Ogni tanto succede ed è spassoso. Un ospite invitato dal servizio pubblico che ‘esce dai ranghi‘ e si rifiuta di condurre un siparietto dai confini ben stabiliti che gli è stato assegnato. Lo ha fatto lunedì scorso una mamma decisamente atipica, ospite diDetto Fatto, la trasmissione condotta da
C’è una fame spaventosa di formazione in questo Paese. Ne sono affamati i giovani che finiscono la scuola e che ormai sanno che da contratti usa e getta e stipendi ridicoli li salverà solo un titolo di studio forte. Ma ne sono affamate pure quelle generazioni di trentenni, quarantenni e persino
Leggendo – e osservando in rete – della rivolta dei consumatori sull’obbligo di pagare i nuovi sacchetti biodegradabiliper i prodotti ortofrutticoli, mi sono chiesta ripetutamente perché una misura dalle conseguenze non troppo drastiche sui portafogli dei cittadini abbia scatenato un’ira così
È una sentenza importantissima, quella con cui la Corte Costituzionale – nel relativo silenzio dei giornali e degli organi di stampa – ha di fatto aperto, con motivazioni di straordinario interesse e modernità, alla possibilità che la madre “affettiva” di un figlio nato con la maternità surrogata
“John è arrivato che io avevo perso il lavoro in una piccola azienda. Eppure l’errore più grande che si possa fare è credere che per ospitare un rifugiato occorra essere benestanti. Non per i 350 euro al mese che ti danno, ma perché la motivazione che questi ragazzi ti trasmettono diventa energia
La domanda l’ha provocata Claudia Zanella, moglie di Fausto Brizzi, che ha scelto di fare una strategica uscita pubblica per difendere il marito dalle accuse di molestie, derubricate da lei a “voci” senza nessun fondamento. A quel punto è stato istintivo chiedersi, in generale: ma una moglie lo
Liquidità per sedici milioni di euro, gioielli e società immobiliari capaci di produrre rendita: questo il patrimonio di Veronica Lario. E allora no, decisamente non si può non essere d’accordo con la sentenza che le ha tolto l’assegno di mantenimento (anche se non è chiaro come la Corte possa
Ad aiutarle a superare la resistenza è, quasi sempre, un corso per diventare “operatrici socio-sanitarie”. Una definizione che fa meno paura dell’altra, “badante”, che oltre a essere dispregiativa è sbagliata, “perché si badano le bestie, non le persone”, dice Rita, che questo lavoro lo fa, a
Stressati, frustrati, ansiosi, depressi, emotivamente disturbati, incapaci di concentrazione e attenzione. Stando alle parole di educatori ed esperti, ma pure al racconto che i media fanno sui nostri figli, i bambini di oggi sarebbero affetti da sindromi di ogni tipo. L’etichetta della patologia
La polemica l’ha lanciata Mauro Munafò sull’Espresso.it, dove ha raccontato, criticandola, l’esultanza della Lavper un permesso malattia ottenuto da una dipendente: due giorni per stare vicino non a un parente, ma al suo cane. Ora, io sono una persona che considera ridicole e assurde frasi del
Al parcheggio dell’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo ci vuole un morto per poter parcheggiare gratis. Solo il defunto, infatti, dà diritto a due tessere parcheggio, ma unicamente negli orari della morgue, non sia mai che vogliate approfittarne per andare, magari, a fare un saluto a un
“Devono cambiare radicalmente, o si autoriformano oppure quando saremo al governo lo faremo noi”. Il messaggio lanciato dal neo-candidato premier ai sindacati durante il Festival del Lavoro di Torino è pesante. Non solo: vagamente ricorda la critica agli stessi sindacati dell’ex premier Renzi
Non c’è dubbio: se lavori in un piccolo ufficio o nel tuo negozio, e dopo il lavoro te ne torni stanca morta a casa per mangiare e dormire, incontrare l’anima gemella è più difficile di vedere il rarissimo fenomeno dell’arcobaleno lunare. E allora ben vengano Tinder, Two, Meetic, Be2 e qualsiasi