La vicenda ricorda un po’ quella delle sigarette elettroniche, prima salutate come una felice alternativa al fumo vero e dannoso, poi considerate all’improvviso anch’esse pericolose, con conseguenze pesanti anche su chi aveva deciso di venderle. Lo stesso per la cannabis legale, diffusa ormai in tutta la penisola con decine di negozi aperti in tutte le […] L'articolo Cannabis light, no. Alcol, psicofarmaci Leggi Tutto
“Dieta vegana in calo”, sostiene Coldiretti. Ma a leggere lo studio Eurispes le cose cambiano L'articolo La carne non fa male, ma non fa leggere bene proviene da Il Fatto Quotidiano. Leggi Tutto
Sex and The City oggi compie vent’anni. Certo, qualche tempo dopo, nel 2003, è arrivato Sky e le sue prime serie, poi – naturalmente – Netflix con la sua offerta sterminata. Eppure anche per chi, come me, si è innamorata perdutamente delle ostetriche londinesi (Call The Midway), dei nobili
Per spazzare via le troppe discussioni ideologiche sul tema della legge 194, e insieme il clima contrario a questa norma che purtroppo si respira in giro (vedi manifesti di Roma, ma anche alcune dichiarazioni di un partito di governo come la Lega e delle destre in generale), bisognerebbe guardare
Un giornalista del Guardian si è divertito a scendere in strada e chiedere ai passanti quante sterline guadagnassero all’anno. Le risposte sono state quasi sempre negative, vaghe, imbarazzate, quasi fosse un tabù. Ebbene, mi sono immaginata la stessa domanda calata in Italia, un paese anni luce
È sempre emozionante per chi fa questo mestiere festeggiare la Giornata Mondiale della Libertà di Stampa (World Press Freedom Day). È un modo per ricordare quanto sia prezioso il mestiere che facciamo, al di là delle critiche, spesso giuste, sull’abbassamento della qualità degli articoli
Ragazzi che minacciano prof, adolescenti che bullizzano i compagni, bambini che mettono in atto comportamenti aggressivi verso coetanei e insegnanti. La cronaca di questi mesi è ormai un bollettino di guerra, e di fronte a professori messi letteralmente sotto assedio, le scuole si scoprono prive
Accade sempre più spesso che qualsiasi rilievo, persino il più leggero, rivolto a un personaggio noto trasformi chi l’ha avanzato in un rosicone di professione L'articolo Ed è subito “hater”: se non osanni il famoso tu diventi un odiatore proviene da Il Fatto Quotidiano. Leggi Tutto
Stabilire – come ha appena fatto il presidente francese Emmanuel Macron in Francia – che i bambini vadano a scuola dai tre anni in poi può sembrare una scelta poco rivoluzionaria. Dalla percezione che abbiamo, a tre anni tutti i bambini vanno alla scuola ancora chiamata, erroneamente, “materna”
La notizia è passata quasi inosservata, pubblicata su un bloge poi ripresa unicamente da Il Post.Nel rinnovo del contratto collettivo di lavoro dei dipendenti Rai è previsto tra le altre cose che alla morte di un dipendente, operaio, impiegato o quadro, l’azienda possa assumere il suo coniuge o
L’hanno chiamata la proposta di legge “anti-fischio”. Perché assegnerebbe una multa, fino a 350 euro, persino a chi per strada fa gesti, apprezzamenti, o commenti sessuali pesanti verso un passante (donna ma anche uomo). Succede in Francia, non da noi, ma ovviamente in Italia si sono scatenate le
Le storie - Francesca, magazziniera: “Se denuncio, nessuno mi riprende: le voci girano”. Chiara: “Costretta a licenziarmi, con un bebè mi imponevano trasferte assurde” L'articolo “Noi madri single tra ricatti e molestie: altro che #MeToo” proviene da Il Fatto Quotidiano. Leggi Tutto
Ho sempre pensato che i giornalisti non dovessero esplicitamente dichiarare il loro voto. Né, tantomeno, avere tessere di partito, che infatti non mai avuto.Dunque non lo faccio anche stavolta, nonostante la prospettiva insopportabile e molto concreta diun ennesimo governo tecnico o, peggio, di
Non sono bastati allarmi di ogni tipo sulla denatalità inquietante del nostro paese e sulla conseguente demografia impazzita, né centinaia di articoli o servizi sul dramma di giovani che non possono permettersi di avere figli o sull’ansia delle famiglie che non riescono a far fronte alle spese
Che cosa accomuna Renzi e Berlusconi, Salvini e Di Maio? Semplice: una scarsa o nulla conoscenza della lingua inglese, come dimostrano i video pubblici nei quali i diversi leader parlano. A salvarsi, Paolo Gentiloni a parte, sono soprattutto le donne: Emma Bonino, ad esempio, ma anche Laura
“Consentire a Michelle Hunziker di utilizzare la platea di Sanremo per distribuire un gadget riferibile all’associazione con cui condivide la titolarità con l’avvocata Giulia Bongiorno quando questa è in campagna elettorale non ha nulla a che fare con la sensibilizzazione del pubblico al tema
Nella comunicazione vige una regola aurea: se un commento, un articolo o un’esternazione sono troppo stupidi, patetici e soprattutto in malafede per essere commentati, la scelta migliore è lasciarli senza risposta, affinché cadano nel dimenticatoio il più presto possibile. L’articolo di Vittorio
Non sono un assistente sociale, una psicologa, né tantomeno sono un giudice. Parlo dunque semplicemente come giornalista che si occupa da anni di maternità e di infanzia, parlo come donna e madre. Ma da questo punto di vista non posso che giudicare come un atto ingiusto e violento quello di
La notizia è che Facebook ci vuole bene, ha a cuore il nostro benessere e ha deciso quindi improvvisamente di dare priorità alle interazioni significative, come quelle tra parenti e amici: loha annunciato Mark Zuckerberg in un post del 12 gennaio scorso sul suo profilo Facebook, spiegando al
Le vacanze natalizie dotate di pacchetto “visita città europea” sono quanto di più nefasto possa esistere. Perché di solito, se si gira tra Parigi e Berlino, Amsterdam e Copenaghen, si torna sempre con quell’atmosfera di città family friendly cucita addosso: bici, posti sul bus per bambini e
Due foto con un agnellino scuoiato in braccia, cui era stato messo un ciuccio in bocca: è bastato questo a scatenare l’ira di migliaia di persone che hanno inondato di commenti la pagina Facebook del gruppo di supermercati Carrefour, invocando sanzioni disciplinari, ma soprattutto il
C’erano molte notizie degne di commento in questi giorni. Ad esempio, anche se in pochi se ne sono accorti, c’è stato un papa che, tra una critica alle coppie omosessuali e all’aborto selettivo, ha incredibilmente sdoganato l’infedeltà: e non solo maschile, anche femminile, qualcosa di veramente
Sesso senza consenso esplicito? Per la Svezia ora equivale allo stupro. Anche nel paese del welfare e dell’occupazione femminile, dove comunque la violenza sulle donne è un problema reale, lo stupro non sarà più legato alla forza fisica, alla minaccia o alla coercizione ma alla “semplice”
Non proprio azzurro, piuttosto roscio. Comunque sia, uno degli ultimi principi in circolazione, Harry, se n’è andato sabato scorso, accalappiato da una Cenerentola, divorziata e pure attempatella. Il matrimonio è stato seguito da milioni di persone: nostalgiche e anziane signore, certo, ma anche
Avranno pensato a un attentato i turisti che oggi erano a via del Tritone a Roma. Che cos’altro avrebbe potuto essere quell’autobus interamente in fiamme, attorniato da un’enorme colonna di fumo? E invece no. Non sanno, i turisti, che gli autobus a Roma vanno a fuoco da soli, anche senza
Ho ricevuto centinaia e centinaia di commenti, alcuni positivi, moltissimi negativi, molti veri e propri insulti di ogni genere, per aver scritto che l’intervento del governo italiano sul caso Alfie – la cittadinanza concessa in due ore, l’aereo pronto per partire, l’intervento del Bambino Gesù e
“Opinionisti donne ne abbiamo?” scriveva ironicamente su Facebook la sociologa Giorgia Serughetti all’indomani del voto del 4 marzo. Improvvisamente, infatti, i salotti dei vari talk show si erano riempiti di giornalisti ed esperti di politica. Anche – finalmente – quelli finora schifati perché
L’ex moglie scroccona che si fa le unghie tutti i giorni e campa coi soldi del marito che non c’ha più neanche una casa? La donna che spera di accasarsi con un riccone come assicurazione sulla vita? Figure destinate a sparire, secondo la sentenza della Cassazione sul famoso caso
Dedicato a tutti coloro che sono vicinia una persona malata. Chi riceve una diagnosi di tumore vive un dramma senza limiti: il terrore di una prognosi infausta, l’incertezza su come e dove curarsi, lo strazio di avere figli, magari piccoli, e non sapere se li si vedrà crescere. Ho raccontato
C’è una figura che si aggira silenziosa in Italia da decenni. È il povero, dimenticato da tutti i governi. Un povero che cambia volto, e se ieri era l’uomo di mezza età all’osteria oggi è una persona, giovane o donna, che lavora tutto il giorno eppure non ce la fa a vivere. Se un movimento
Giordana è una napoletana trapiantata in Germania, dopo avere lavorato come architetto a Barcellona e a Dubai. E ora vive nella città tedesca insieme ai suoi due bimbi e al marito. E a differenza dell'Italia, dove l'aiuto dei genitori sarebbe indispensabile, ad Amburgo sanità e servizi per le
La più grande arroganza (e insieme il più grande errore) del Partito Democratico è stata l’assoluta indifferenza verso un’analisi accurata e profonda della società italiana e dei suoi cambiamenti. Gli sarebbe bastato leggere i continui rapporti Istat, tanto per citare il più noto degli istituti
Un libro dedicato a quanti vogliono lasciare a terra le ansie per tornare a prendere l’aereo. Un viaggio con un medico e una donna per decenni preda della sua fobia L'articolo Vinci la paura di volare e ti sentirai (quasi) un dio proviene da Il Fatto Quotidiano. Leggi Tutto
È un fiume in piena Umberta Telfener, filosofa, psicologa clinica e feconda scrittrice, che da poco ha pubblicatoLetti Sfatti. Una guida per tornare a fare l’amore(Giunti). Un manuale, spiega, “dedicato a tutti coloro che combattono la sciatteria dei rapporti”L'articolo Sesso, “se perfino
Una mano rugosa con due fedi nello stesso dito, un bagno dove restano ancora due spazzolini, una casa silenziosa dai mobili antichi – una pendola, un crocifisso – dove un anziano si aggira, sfiorando i vestiti di una donna che non c’è più, le sue foto, i piccoli aerei di carta che lei faceva. Si
Va bene, gli uomini che ricattano le attrici per avere sesso in cambio di una particina fanno schifo e sono colpevoli; va bene, un magistrato che impone un dress code succinto e l’assenza di fidanzato per accedere a borse di studio fa schifo ed è colpevole; va bene, trecento e passa business men
Con i capelli bianchi, presbiti, quasi in menopausa o con la prostata ingrossata. Così sarebbero, secondo il Partito democratico, i giovani italiani. Già, perché se si dovesse dare retta allo slogan elettorale che annuncia da mesi “una pensione di garanzia per i giovani” – cioè, secondo Cesare
Non sono un’assistente sociale, una psicologa, né tantomeno sono un giudice. Parlo dunque semplicemente come giornalista che si occupa da anni di maternità e di infanzia, parlo come donna e madre. Ma da questo punto di vista non posso che giudicare come un atto ingiusto e violento quello di
La fatica di una gravidanza, il peso fisico ed emotivo di un parto, la durezza dell’allattamento (tutt’altro che una cosa serena e dolce), l’impegno – enorme – dei primi mesi. Avere un figlio è un’impresa veramente titanica, in un certo senso persino un trauma. Chi lo affronta dovrebbe essere
Il ventenne che non ti dà la precedenza perché ormai privo del concetto di limite, la signora mechata sulla Smart che ti supera a destra col telefono all’orecchio, la drogata dello shopping che lascia l’auto al posto handicappati perché “tanto ci metto un minuto”. Per non parlare di quelli che
È una sentenza importante quella con cui la Corte Costituzionale – nel relativo silenzio dei giornali e degli organi di stampa – ha, sia pur con prudenza, apertoalla possibilità che sia considerata madre di un bambino nato da utero in affitto la donna che non lo ha partorito, ma cercato
Era l’ultimo baluardo di romanticismo rimasto, quel gesto della mano accompagnato da un sorriso e da una frase, “lascia, faccio io”. Poi è venuta l’ondata del femminismo intransigente, secondo cui quell’offrire, machista e antiegualitarista, creava in realtà un debito che la donna si sentiva
C’è un’enorme questione che è stata totalmente ignorata in queste ultime ore, ore in cui al centro della scena pubblica sono stati unicamente i palazzi del potere, in apparenza – ma solo in apparenza – svincolati dall’esistenza concreta delle singole persone: è la questione dell’enorme sofferenza
Sui social media è stato abbondantemente stroncato, soprattutto da donne indignate da uno spot così platealmente assurdo, tanto colpevolizza le donne che lavorano e hanno figli invece che far loro un augurio gentile (come doveva essere per la festa della mamma). Ma vale la pena tornare sul tema
Chi è madre lo sa: ogni maggio arriva dalla scuola il solito lavoretto, con contorno di fiori e cuoricini e su scritto “sei la mamma migliore del mondo”, “mamma ti voglio bene” e via dicendo. Non c’è dubbio, è un regalo che fa piacere, ma una certa sensazione di stereotipo la avvertiamo in molte
Ci vuole un po’ di distacco per analizzare con lucidità la vicenda di AlfieEvans, il bambino inglese affetto da una malattia neurodegenerativa grave e irreversibile che i giudici inglesi hanno dichiarato impossibilitato a vivere ulteriormente, decidendo la sospensione di tutte le cure palliative
Quando li vedo passare di notte, silenziosi e veloci con le loro bici dotate di bauletto fluorescente firmato dalla rispettiva azienda, provo sempre una piccola stretta al cuore. Mio figlio, dalla macchina, mi chiede chi siano e io glielo spiego. Ma stranamente è come se anche lui fosse a
Chiara più bella che mai a pochi giorni dal parto, Chiara che mostra le curve materne, Chiara che cucina un occhio di bue. E poi lo scoop sul presunto concepimento sul palco del Rugby Sound di Legnano, la gara a capire a chi assomiglia più Leoncino, le foto della famiglia in ospedale, sul divano
Forse i 5stelle non andranno al governo, ma di sicuro la nostra vita sessuale sta per essere rivoluzionata. E a cambiarla è una nuova pratica, all’estero è già diffusa, che da noi sta lentamente rompendo il modello immarcescibile dell’uomo dominatore. Intendiamoci: sessualmente parlando, esiste
Piccola premessa lessicale: la parola “sessista” non piace neanche a me, e sì, certe volte è usata anche a sproposito. Si potrebbe usare tranquillamente la sua traduzione, ovvero “che discrimina in base al genere”. Sessista, insomma, è qualunque affermazione, comportamento, norma, decisione che
Ci sono delle notizie che provocano emozioni forte e immediate, e insieme una sensazione di straniamento e disagio verso ciò che contengono. È il caso di quella che ho provato leggendo dai giornali che venerdì si terranno i funerali di Alessia e Martina, le due bambine uccise dal padre
Hanno scritto una lunga lettera diretta ai quotidiani e trasmissioni italiani. Perché sono stanche di vedere che di loro, 30.000 in Italia, con 12.000 morte ogni anno, i media non parlano mai. “Leggiamo molti articoli e notizie sul cancro al seno”, si legge nella lettera, “e ci colpisce la
Sono troppo giovane per essere stata comunista quando il comunismo, nella Prima repubblica, stava all’opposizione ma dettava un immaginario di emancipazione dalla povertà e di uguaglianza per chi credeva nei suoi ideali. Sono abbastanza vecchia invece per aver votato per la prima volta
Si è fatta strada piano piano, nei post sui social, nei commenti, nelle chat. E oggi la usano in tanti, in fondo è pratica, intuitiva. È la categoria di “nazifemminismo”, che cade sulla testa di qualunque donna denunci con particolare pathos la condizione femminile, magari criticando quegli
Un tempo il seno era, per noi donne, soprattutto un oggetto di seduzione, una zona erogena da stimolare durante un rapporto d’amore e di sesso. Un organo con cui si avere talvolta un rapporto complicato, troppo piccolo, troppo basso, ma comunque qualcosa non certo di minaccioso. Oggi, anche se
Premessa sostanziale: che 124 attrici del cinema italiano si siano messe insieme, incontrandosi e discutendo, e abbiano fatto una lettera pubblica in cui denunciano un sistema marcio e prendono posizione a favore di chi ha parlato è un fatto importante e positivo. Anzi, ci si attendeva questa
La notizia si è persa nel rumore quotidiano, classificata come un altro dei soliti rapporti sulle sfighe del nostro paese. Questa volta, però, santo cielo, il dato avrebbe meritato le prime pagine: secondo l’Istat, una donna su due tra i 18 e i 49 anni, in Italia, non ha figli. In totale, 5,5
Ogni tanto succede ed è spassoso. Un ospite invitato dal servizio pubblico che ‘esce dai ranghi‘ e si rifiuta di condurre un siparietto dai confini ben stabiliti che gli è stato assegnato. Lo ha fatto lunedì scorso una mamma decisamente atipica, ospite diDetto Fatto, la trasmissione condotta da
C’è una fame spaventosa di formazione in questo Paese. Ne sono affamati i giovani che finiscono la scuola e che ormai sanno che da contratti usa e getta e stipendi ridicoli li salverà solo un titolo di studio forte. Ma ne sono affamate pure quelle generazioni di trentenni, quarantenni e persino
Leggendo – e osservando in rete – della rivolta dei consumatori sull’obbligo di pagare i nuovi sacchetti biodegradabiliper i prodotti ortofrutticoli, mi sono chiesta ripetutamente perché una misura dalle conseguenze non troppo drastiche sui portafogli dei cittadini abbia scatenato un’ira così
È una sentenza importantissima, quella con cui la Corte Costituzionale – nel relativo silenzio dei giornali e degli organi di stampa – ha di fatto aperto, con motivazioni di straordinario interesse e modernità, alla possibilità che la madre “affettiva” di un figlio nato con la maternità surrogata