image
Le segnalazioni della settimana:Torna, purtroppo, periodicamente il tema di come i media italiani parlino di violenza di genere. Ne parla Lolasul suo blog, in un post ripreso anche da Globalist, a proposito di un paio di articoli recenti apparsi su Corriere e Messaggero in merito a due episodi di violenza. "Le frasi dei vicini riportate quasi distrattamente nei due articoli, raccontano tutto un modo di vedere le donne in questo paese - scrive Lola - L'accento è stato posto sull'aspetto fisico delle due donne: bella, avvenente. Donne che fanno "perdere la testa", insomma. Ci sta che uno si ingelosisce e ti mette le mani addosso, no?"Ricorda, Lola, anche la nostra campagna "Non sono un media complice" che invitava i media a impegnarsi a non rendersi complici del mantenimento di un clima tollerante nei confronti della violenza sulle donne. Era luglio 2012. Cosa è cambiato?Femminismi scrisse, tempo fa, un Codice Etico per la stampa in caso di femminicidio. Magari potrebbe essere utile darci un'occhiata.Segnalo, e sono molto contenta di farlo, che è on line l'estratto del terzo capitolo della video-inchiesta sugli stereotipi di genere fra i bambini e le bambine delle elementari "Ma il cielo è sempre più blu" di Alessandra Ghimenti. Il video è stato girato in una scuola della provincia di Brescia. Ve ne raccomando la visione (lo trovate in fondo al post). Il documentario integrale al momento è visibile organizzando una proiezione dedicata.Sempre a proposito di stereotipi, segnalo infine le5 cose che devi smettere di pensare sui transgender pubblicate da Gay.tv: un elenco di luoghi comuni che molte persone ancora oggi pensano dei transgender e che sono false!

Leggi tutto... http://feedproxy.google.com/~r/VitaDaStreghe/~3/cM1mo7Puweg/le-parole-sono-importanti.html