Warning: Declaration of FiController::display() should be compatible with Joomla\CMS\MVC\Controller\BaseController::display($cachable = false, $urlparams = Array) in /home/www/retedelledonne.org/components/com_flambinserts/controller.php on line 18

Sherry Horman

Desert Flower

La storia vera di Waris Dirie, ragazza somala che all'età di 13 anni fugge dalla propria famiglia per scampare a un matrimonio forzato. Aiutata dalla nonna a Mogadiscio viene inviata a Londra dove diventa una serva all'interno dell'Ambasciata Somala. Questo la esclude dall'apprendimento della lingua inglese e quando il governo somalo cadrà, non volendo rientrare in patria, si troverà sperduta in una metropoli. L'aiuterà una commessa di grandi magazzini, Marilyn. Waris, che diventerà una top model nota in tutto il mondo, conserva un tragico segreto: l'ablazione dei genitali esterni.
Desert Flower non è un film relegabile con superficialità tra le opere 'didattiche' su tematiche sociali. Sherry Hormann, con la collaborazione della vera Waris Dirie e dell'altrettanto famosa modella Liya Kebede (che la impersona sullo schermo) raggiunge perfettamente l'obiettivo di intrattenere facendo pensare. L'odissea di una bambina nomade e mutilata (nel corpo e nello spirito) che diventa una delle modelle del Calendario Pirelli non vuole tramutarsi in una favola di Cenerentola adattata ai nostri giorni. Grazie anche alla sempre vulcanica presenza di Sallky Hawkins (la Poppy di Happy Go Lucky) il film trasmuta di volta in volta dal dramma alla commedia per poi ritornare al dramma e suscitare quel particolare tipo di commozione che può muovere all'azione.
Perché se il tema della lotta alle mutilazioni sessuali è al centro dell'azione che Waris Dirie continua a condurre come ambasciatrice dell'Onu Desert Flower affronta anche i problemi dell'immigrazione con il susseguirsi di leggi di cui i soggetti interessati non sempre sono a conoscenza e quello del difficile processo di integrazione anche quando la Natura ti ha dotato di un aspetto decisamente superlativo.
Il colore della pelle continua a contare e, soprattutto, resistono pregiudizi atavici e altrettanto atavici attaccamenti alla tradizione e ai costumi del popolo da cui si proviene. Waris ne esce e si fa portavoce di una guerra in cui sono state vinte alcune battaglie ma il cui esito finale è ancora distante se si considera che si calcola che quotidianamente 6000 bambine nel mondo subiscano mutilazioni sessuali.

Tipologia di Film: Biografie

Film diretto da: Sherry Horman

Anno di uscita nelle sale: 2009

Argomenti Trattati: Condizione della donna nel mondo - Battaglie e conquiste femminili